• liberaribelle

Libera Ribelle

Ho deciso di tenere un blog in cui scrivere del mio modo di vivere e intendere la vita. Per una persona molto schiva come lo sono io non è stato affatto semplice, perché questo ha significato aprirsi al mondo mostrando anche le sfaccettature più intime. Ho deciso di farlo non perché penso di avere qualcosa in più degli altri, ma per creare uno spazio affinché altre persone che hanno vissuto esperienze simili alla mia possano trovarsi a proprio agio.

Ultimamente ho parlato delle mie recenti scoperte emotive che hanno dato nuova vita alla mia anima ribelle, ma anche se soffocata questa c'è sempre stata.


Ribelle...


Più penso a questo aggettivo e più sento che mi definisca. Da che ne ho memoria io vivo ribellandomi alla realtà in cui sono nata e cresciuta.

All'età di tre anni ero io a decidere quali vestiti indossare e non sono mai state gonne e vestitini, non ho mai giocato con le bambole e il mio migliore amico era il pallone. Ad un'immagine idealizzata di bambina angelica e posata, io rispondevo con le scarpe rotte ed infangate e le ginocchia sbucciate.


La mia forma di ribellione più pura però è senza dubbio quella di amare le donne, una in particolare: Federica. Le nostre strade si sono incrociate tanti anni fa, poi si sono mosse parallelamente fino ad arrivare ad oggi che si sono unite in un'unica grande strada: la nostra.

Ha lasciato anche lei una vita ordinaria per viverne una fuori dagli schemi come me, ha accettato il rischio e di questo non posso che essergliene eternamente grata.


Essere uno spirito libero dall'animo ribelle è nel mio DNA, non è più il tempo di soffocarlo ma di assecondarlo per vivere al massimo questa vita che è una sola ed è straordinaria.


Se imbattendovi in queste parole avete rivisto anche solo una piccola parte di voi, siete nel posto giusto. Se questo vi spaventa pensate che c'è qualcuno che ci è passato prima di voi e che ce l'ha fatta. Seguite il vostro cuore e rischiate perché comunque vada ne sarà valsa la pena.

Se mi fossi piegata a quello che è "socialmente giusto", avrei avuto una vita triste e grigia. Ma l'ho fatto e ho trovato un'amore folle che ha tinto la mia vita di tutti i colori dell'arcobaleno.


Fare quel passo non vorrà dire smettere di soffrire, ma smettere di avere rimpianti.